Svelati i segreti di Mitra al Circo Massimo!

Sabato primo dicembre. Sole benevolo nell’aria: siamo stati a ricordarne il culto e la gloria presso i nostri antenati.

Precise e puntuali, le descrizioni di Marco sull’arena del Circo Massimo hanno lasciato spazio ad ogni ideale ricostruzione delle architetture e della vita che vi si svolgeva attraverso le vestigia di ciò che oggi è ancora visibile. Travolgente ripensare a quanta attività si svolgesse intorno all’organizzazione e realizzazione delle gare con la corsa delle bighe, attrazione e coagulo di folle per eventi realmente spettacolari! Bellissimi i monumenti a cui spesso passiamo accanto indifferenti: guardarli e conoscerne più a fondo la loro evoluzione di progetto ed uso nel tempo rende più intenso il significato non solo del passato ma del presente.

Abbiamo lasciato il Circo Massimo e la sua animata e rumorosa giornata durante le corse per visitare luoghi raccolti in cui gli incontri erano dedicati agli dei ed alla contemplazione: il mitreo. Non sempre visitabili, siti archeologici come gli ipogei sprigionano un particolare fascino. Abbiamo esplorato ambienti sotterranei pieni di meravigliose tracce artistiche del passato legate ad un culto di cui non esistono fonti così precise ma di cui le arti visive e dedicatorie ne attestano larga diffusione.

(Lia N.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code