Catalogo visite

La nostra proposta di oltre 100 visite guidate
sempre disponibili su richiesta

 

I luoghi di Giulio Cesare

I luoghi di Giulio Cesare

Nel giorno delle idi di Marzo a distanza di 2059 anni dalla sua uccisione, andremo a scoprire i luoghi di Roma dove ancora aleggia il nome e lo spirito di Giulio Cesare, rivivendo quei soli 5 anni in cui da “dittatore” cambiò per sempre il destino di Roma e segnò la via della storia del mondo occidentale. Come riuscì a diventare dittatore nonostante le sue umili origini? Dov’era il Senato in cui fu ucciso? Perché fu il primo a poter essere sepolto nel Foro Romano? Ripercorreremo la vita straordinaria di colui che può essere considerato uno dei più grandi uomini del mondo.

Le cortigiane di Roma

Da dove deriva il termine romanesco “zoccola”? Perchè in casa della cortigiana Imperia l’ambasciatore spagnolo Enriques De Toledo sputa in faccia al suo servo? Nel Rinascimento Roma era nota in tutta Europa per il copioso numero di cortigiane. Si trattava di donne al servizio di nobili funzionari ed ecclesiastici, molto numerosi nella capitale dell’allora Stato Pontificio. Scopriremo insieme le curiose vicende di queste donne di malaffare e le iniziative della Chiesa per arginare il fenomeno dilagante. Visiteremo l’unica piazza del mondo intitolata ad una prostituta, le abitazioni delle più famose cortigiane, il ghetto dove vennero relegate a metà Cinquecento… e naturalmente, chiuderemo la visita in via delle Zoccolette!

I templi di Largo Argentina

C’era una volta una palude, poi venne un re e vi portò le sue greggi; il popolo si radunò nei pressi di una pianta di fico, finchè il re fu scacciato e si iniziò la costruzione di magnifici templi. La storia dell’area sacra di largo Argentina si perde nella leggenda ed è fatta di straordinarie suggestioni: perchè i templi sono tutti allineati a oriente? Cosa veniva scritto su tavolette coperte di cera? Dove viene ammazzato Romolo? Con l’ausilio di ricostruzioni virtuali rievocheremo i luoghi dei trionfi e dei comizi nell’antica Roma…

Ghetto archeologico

Cosa si nasconde nello scantinato in via di S. Angelo in Pescheria? Perchè sulla terrazza del condominio in via della Tribuna di Campitelli c’è un capitello? Cosa sono quelle colonne davanti al ristorante “Da Gigetto”? La zona del Ghetto di Roma è una vera miniera di reperti antichi: come tutti i tesori, giacciono nascosti in luoghi impensati, lontani da sguardi indiscreti. A noi il compito di svelarli: e così, accanto a monumenti celeberrimi come il Teatro Marcello e il Portico di Ottavia, potremo apprezzare ciò che rimane del Circo Flaminio e del Tempio di Giunone Regina…e la IX regio dell’antica Roma, denominata Circus Flaminius, improvvisamente riaffiorerà davanti ai vostri occhi…

Sotterranei del Teatro di Pompeo

Nerone vi accoglie Tiridate II, re della lontana Armenia, e per l’occasione lo ricopre interamente d’oro; Cicerone è presente alla sua fastosa inaugurazione, che dura per ben 5 giorni. Il teatro di Pompeo, capace di quasi 20 mila spettatori, è il più grande della città, ed impressiona i contemporanei del I sec a.C. per le sue dimensioni. Un edificio così maestoso non può essersi dissolto nel nulla…

visita guidata Aventino

Aventino archeologico

Dove si nasconde il terribile gigante Caco? Perché Traiano viene sull’Aventino a farsi radere la barba? Per i romani oggi è solo un quartiere appartato dove passeggiare lontani dal traffico; invece per gli antichi rappresentava il colle della plebe, denso di significati e carico di storia. Sulla sua sommità sorgevano templi di divinità straniere e misteriose (come Luna e Vortumno), fra le sue vie l’esercito bagnava le armi con una curiosa cerimonia.

visita guidata Auditorium di Mecenate

Auditorium di Mecenate

Come avvenivano i banchetti nell’antica Roma? Perchè Mecenate costruisce la sua sala da pranzo sottoterra? L’antico salotto intellettuale dell’amico di Augusto sembra sottrarsi al frastuono della moderna via Merulana rievocando un’atmosfera fatta di horti e di giardini delle delizie, di dissertazioni letterarie ed erudite, tipica dell’età augustea. Azzurri e rossi pompeiani compongono sfondi per piante dipinte, volatili e frutti; un fregio corre lungo tutte le pareti: satiri e menadi riaffiorano dall’intonaco eroso, una capra condotta al sacrificio dal dio Pan cede il passo ad un sileno su un mulo mentre, più avanti, si scopre la danza convulsa delle baccanti…

Basilica di S. Stefano Rotondo

S. Tecla legata a due tori, S. Vitale sepolto vivo, S. Bonifacio immerso in una caldaia bollente… alcuni vengono chiusi in casse di piombo, altri sbranati da cani, oppure abbrustoliti dentro una padella…decapitazioni, lapidazioni, squartamenti: i Romani di certo non mancavano di fantasia in epoca imperiale. Ripercorriamo visivamente la storia dei primi martiri cristiani nel più grande martirologio della storia dell’arte: quello rappresentato sulle pareti di S. Stefano Rotondo…

Basilica neopitagorica

Perchè nel I sec a Roma viene costruito un luogo di culto sotterraneo, proprio al di fuori delle mura? Qual è il significato dei misteriosi stucchi di cui sono adorne le pareti? Al centro di Porta Maggiore, proprio sotto al terrapieno degli scambi ferroviari della Stazione Termini, si trova uno dei monumenti sotterranei più stravaganti e meno conosciuti di Roma: la cosiddetta Basilica Neopitagorica. La funzione di questo edificio è controversa: realizzato intorno al I secolo, negli anni è stato definito un ninfeo, una tomba, una basilica funeraria, un luogo di culti misterici…

visite guidate s. clemente

Basilica sotterranea e mitreo di S. Clemente

Come viene rappresentato su marmo il sesto giorno della Creazione? A che epoca risale la prima iscrizione in lingua italiana? Perché Domiziano costruisce stanze senza aperture né finestre? Tre luoghi di culto, l’uno costruiti sull’altro: il più recente (si fa per dire) risale al XII secolo, e rifulge di marmi e mosaici; il più antico, è un’oscura grotta dedicata al dio Mitra; nel mezzo una basilica paleocristiana grande una volta e mezza quella superiore e ricca di insoliti affreschi medievali. Tenetevi forte, il viaggio al centro della terra sta per cominciare…

Visita guidata Bernini contro Borromini, Roma

Bernini contro Borromini

Ironia della sorte, spesso si ritrovano a lavorare fianco a fianco in cantieri di fabbrica limitrofi. E così nella chiesa progettata da uno, finiscono statue di angeli dell’altro; in un palazzo si ritrovano a disegnare l’uno lo scalone di destra, l’altro quello di sinistra; in un altro l’uno ne costruisce la facciata, l’altro la cappella privata. Il percorso consentirà di accostare e confrontare alcune delle più celebri creazioni firmate dai due autori.

visita guidata obelischi roma

Bike tour "Gli obelischi di Roma"

Perchè gli egiziani costruirono gli obelischi? Che significano le iscrizioni in geroglifico che sono incise su quelli romani? Roma è la città che possiede il maggior numero di questi monoliti di granito al mondo: ce ne sono più che in tutto l’Egitto. Sorgono al centro di piazze, in punti panoramici sopra a terrazze, ma anche in giardini nascosti. A noi il compito di scovarli tutti e di carpirne i segreti…

Bike tour Michelangelo

Bike tour "I luoghi di Michelangelo"

Perchè il Mosè di Michelangelo ha le corna? Qual è il significato simbolico del disegno geometrico del Campidoglio? Scultore, architetto, pittore, urbanista: ripercorriamo in bici alcune delle maggiori opere di uno dei più grandi artisti di tutti i tempi. Il meglio del Rinascimento è ora a portata di pedali…

visite guidate horti sallustiani

Horti Sallustiani

Perchè la sala da pranzo di Sallustio ha un doppio soffitto? Come mai certe notti Nerone preferiva dormire negli Horti Sallustiani anzichè nella sua Domus Aurea? La villa di Sallustio era la più sontuosa dimora suburbana di Roma; fu costruita nel I sec a.C. da Giulio Cesare e poi abbellita dallo storico Sallustio e ancora oggi impressiona per il gigantismo delle sue strutture. Tra straordinarie cupole a spicchi, eccezionali doppie volte ed inconsuete pareti circolari gli echi del glorioso passato di Roma si respirano davvero a pieni polmoni…

Bunker di Villa Ada

Nel cuore di Villa Ada Savoia, proprio nell’area dove la vegetazione è più fitta, si nasconde il bunker costruito per la famiglia reale a fine ‘800. Un arco in mattoni è tutto quello che è visibile dall’esterno; per 70 anni il bunker è rimasto nascosto, dimenticato, silenzioso. Frequentato da vandali e writers, era conosciuto come il “Bunker del Diavolo”: riti pseudo-satanici avevano luogo fra queste mura e scritte inneggianti a Satana erano presenti in vari ambienti. L’alto tasso di umidità e il completo abbandono hanno fatto il resto. Oggi, grazie ad una laboriosa opera di restauro, gli ambienti sono tornati al loro stato originale, e permettono di calarsi nell’atmosfera carica di apprensione e di timore che ha caratterizzato i momenti trascorsi dai reali all’interno di questa struttura.

Rifugio antiaereo di Villa Torlonia

Bunker di Villa Torlonia

Villa Torlonia è uno dei gioielli poco noti di Roma. A due passi dal quartiere Coppedé vi è uno splendido esempio di arte liberty nella deliziosa Casina delle Civette che ospita il sorprendente museo della vetrata artistica. Fu questa la residenza del “sapiente” Giovanni Torlonia, colui che affittò per 1 lira a Benito Mussolini il Casino Nobile, elegante esempio di architettura e decorazione neoclassica. Fa da cornice a questi e ad altri edifici un suggestivo parco che serba molte sorprese…

Casa di Livia - affresco dell'ala destra

Case di Augusto e di Livia sul Palatino

Perchè Augusto vuole la propria residenza privata sul Palatino? Come avviene la sua cena di fidanzamento con Livia? All’epoca del secondo triumvirato con Marco Antonio e Lepido, Ottaviano acquista la casa del facoltoso oratore Ortensio, trasformandola in una prestigiosa domus con decine di sale affrescate: lussuosi soggiorni, una biblioteca, camere da letto, sale da pranzo con triclini e uno studiolo privato. I recenti restauri consentono di ammirare i più begli affreschi di II stile di tutta Roma…

Visita guidata Casa di Augusto

Case di Augusto e di Livia sul Palatino

Perchè Augusto vuole la propria residenza privata sul Palatino? Come avviene la sua cena di fidanzamento con Livia? All’epoca del secondo triumvirato con Marco Antonio e Lepido, Ottaviano acquista la casa del facoltoso oratore Ortensio, trasformandola in una prestigiosa domus con decine di sale affrescate: lussuosi soggiorni, una biblioteca, camere da letto, sale da pranzo con triclini e uno studiolo privato. I recenti restauri consentono di ammirare i più begli affreschi di II stile di tutta Roma…

visita guidata Case romane del Celio

Case romane del Celio

Siete mai entrati in una casa dell’antica Roma? Ora lo potete fare! Sotto la chiesa dei Ss. Giovanni e Paolo secoli di oblìo hanno tenuto perfettamente conservata una domus romana del III secolo d.C., con tanto di affreschi! Un personaggio prega in mezzo a mostri, capre e uccelli, una figura versa del liquido ad una fanciulla nuda distesa fra le acque: immagini non ancora pienamente decifrate lasciano aperte suggestive ipotesi interpretative…

Castel Sant'Angelo - Passetto di Borgo

Castel Sant'Angelo

Come fa Benvenuto Cellini a fuggire dalle terribili carceri del castello? In quale parte della fortezza fu sepolto l’imperatore Adriano? Imperatori, papi, conquistatori e delinquenti: tutti i più importanti personaggi di Roma sono passati di qui. Costruito nel II sec. d.C. come tomba imperiale, Castel Sant’Angelo accompagna da vicino la storia millenaria di Roma tramutandosi dapprima in baluardo delle più importanti famiglie nobili romane, e poi in fortezza inespugnabile per i papi…

visita guidata catacombe roma

Catacombe di Domitilla

17 km di gallerie, ben 4 livelli di diverticoli per un totale di 150 mila tombe. Le catacombe di Domitilla si presentano così, con tutto il loro labirinto di cunicoli ed enigmi insoluti: San Pietro aveva veramente una figlia chiamata Petronilla? Chi era Domitillla? Per rispondere a queste domande scenderemo a 15 metri sotto il livello del suolo…

visita guidata Catacombe di san Sebastiano

Catacombe di S. Sebastiano

12 km di gallerie disposte su 3 livelli per un totale di 65.000 tombe: le dimensioni delle catacombe di S. Sebastiano già parlano da sè. Eppure in principio sulla via Appia vi erano solo delle semplici cave di tufo; poi i cristiani cominciarono a scegliere questo luogo per le loro sepolture. E così già nel III sec d.C. folle di pellegrini si accalcano all’interno di uno strano edificio chiamato Triclia. Le spoglie degli apostoli Pietro e Paolo, vengono traslate qui. In conseguenza della grossa affluenza l’imperatore Costantino erige una immensa basilica a forma di circo. Perchè Pietro e Paolo vengono improvvisamente rimossi dai loro sepolcri in Vaticano e sulla via Ostiense? Come mai Costantino costruisce una chiesa a forma di circo? 2000 anni di storia sepolti sotto 12 km di gallerie…

Il Colle Celio

Come mai porta sfiga sedere in 13 a tavola? Che ci fa un tempio alto 10 metri all’interno di un garage? E una nave davanti ad una chiesa? Si erge tacito e tranquillo nel verde di Roma, eppure il Celio deve proprio al suo isolamento, avvenuto in epoca medievale, il suo fascino rimasto immutato. I ruderi dell’antica Roma non si contano: la palestra dei gladiatori, il mercato di Nerone, il tempio dell’imperatore Claudio, case, acquedotti, vie. Inoltrandoci fra i suoi pendii scopriremo fantastici scorci di una Roma che credevamo ormai scomparsa.

Tomba di Cecilia Metella

Cosa ci fa Urbano VIII con il travertino del mausoleo di Cecilia Metella? Cosa si nasconde nei sotterranei della tomba? Con i suoi 39 m di altezza la tomba dedicata alla nobildonna romana è il più grande mausoleo del mondo romano dedicato ad un privato cittadino conservatosi fino ai giorni nostri. Il suo eccezionale stato di conservazione deriva dall’esser stato utilizzato come fortezza dai Caetani nel Medioevo. Dopo i recenti restauri nuovi spazi sono stati aperti all’interno del castello ed è possibile visitare la torre di avvistamento. Dopo la visita concludiamo la serata con una cena immersi nel verde dell’Appia Antica!

Villa di Massenzio per bambini

Come avveniva la corsa delle bighe? Quale maestoso monumento era stato collocato da Massenzio al centro del suo circo? Quasi dimenticato, ai margini dell’Appia Antica, si erge solitario il circo antico meglio conservato al mondo: Massenzio l’aveva costruito all’interno della sua residenza imperiale durante il suo breve ed effimero regno, nel IV sec d.C. Le torri angolari, la tribuna dei giudici, il posto dove sedeva l’imperatore, i cancelli di partenza delle bighe, la porta trionfale sono ancora perfettamente visibili, insieme alla maestosa tomba eretta per il figlioletto Romolo…

visita guidata circo massimo

Circo Massimo

Quali erano le regole della corsa delle bighe? Perché al centro dell’arena erano presenti dei delfini? Il Circo Massimo è di certo fra i monumenti romani che più colpiscono l’immaginario collettivo: il più grande edificio per lo spettacolo che sia mai esistito fu costruito inizialmente in legno dai re Tarquini, ristrutturato in muratura da Giulio Cesare e ricostruito interamente da Traiano nel 103 d.C. Le diverse fasi costruttive, fino al riutilizzo in epoca medievale, sono perfettamente visibili dopo i recenti scavi: percorrere la galleria coperta attraversata dai senatori, sostare di fronte ai negozi che si aprivano sull’antica strada romana, salire in cima alla torre medievale è ora finalmente possibile…

Mitreo del Circo Massimo

Quali erano le regole della corsa alle bighe? Perchè al centro dell’arena del circo erano presenti dei delfini? Mentre in superficie migliaia di spettatori assistono alle competizioni del Circo Massimo, in un piccolo antro ai piedi del circo pochi iniziati partecipano a oscuri riti misterici…

Cisterna delle Sette Sale

L’acqua necessaria al funzionamento delle Terme di Traiano veniva immagazzinata nella gigantesca cisterna nota fin dal medioevo con il nome di Sette Sale, alimentata da un apposito ramo di acquedotto proveniente dall’Esquilino. Essa si è conservata quasi perfettamente ai margini del Parco, con accesso in via delle Terme di Traiano. La costruzione è disposta su due livelli, ciascuno formato da nove ambienti paralleli, larghi oltre cinque metri e di lunghezza variabile da 30 a 40 metri…

Cleopatra e i culti egizi a Roma

Dove abitò Cleopatra durante il suo soggiorno nella Roma di Giulio Cesare? Perchè gli imperatori osteggiarono la diffusione dei culti egizi? Da dove provengono i gatti della Città Eterna? L’Impero Egiziano è in fin di vita; il suo ultimo faraone, Cleopatra VII, le tenta tutte per conservare il suo regno: seduce Cesare, convince Marco Antonio a schierarsi contro Roma ma Augusto infine conquista l’Egitto…

Visita guidata Roma Villa Farnesina

Villa Farnesina

Raffaello a Roma non è solo ai Musei Vaticani. Divenuto ormai l’artista più richiesto del tempo, il pittore urbinate ci ha lasciato un’altro splendido capolavoro nella Villa Farnesina, originariamente residenza di campagna di Agostino Chigi, uno dei più ricchi banchieri del tempo.

Tempio di Antonino e Faustina

Di quale assurda morte morì l’imperatore Antonino Pio alla veneranda età di 75 anni? Perchè il tempio a lui dedicato fu collocato proprio davanti alla Regia? Per la prima volta aperto al pubblico, il tempio di Antonino e Faustina si erge ben 5 metri sopra l’antistante via Sacra: dal suo monumentale pronao è possibile apprezzare un’inedita vista del Foro Romano, oltre che ammirare i dettagli delle gigantesche colonne in marmo cipollino, alte 15 metri. Curiosa la sua storia: inizialmente eretto nel II sec d.C. dall’imperatore Antonino per la defunta moglie Faustina, fu in seguito ridedicato dal Senato anche alla memoria dell’imperatore divinizzato; nel Medioevo fu convertito in chiesa; oggi ospita il Nobile Collegio degli Speziali, nelle cui sale sono allestiti un interessante museo ed un archivio storico.

visita guidata tempio rotondo

Tempio Rotondo del Foro Boario

Per quale curioso motivo M. Ottavio Erennio erige un tempio dedicato a Ercole? Perchè il tempio di Portumno ha un basamento così alto? I Romani ci tramandano affascinanti storie di giganti e divinità, tutte ambientate al Foro Boario; e non potrebbe essere altrimenti, visto che l’area era popolata fin dalle origini di Roma. Varcando la soglia dello spettacolare Tempio Rotondo, un tempo noto come Tempio di Vesta, attraverseremo l’asse del tempo…

Piramide Cestia

Come mai la Piramide non ha alcun ingresso? Perchè gli eredi di Caio Cestio la costruiscono nel tempo record di 360 giorni? Che differenze ci sono con le Piramidi d’Egitto? Raffinate pitture all’interno, statue di bronzo ai lati, un monumento alto quasi 40 metri, destinato ad ospitare una sola persona: fa impressione tutt’oggi il sepolcro di Caio Cestio, uno degli uomini più potenti della Roma del I sec a.C. Ma ci siete mai entrati dentro? Una sola è la stanza, molteplici sono le suggestioni…

Colosso di Nerone, Domus Aurea

Domus Aurea e l'incendio di Nerone

L’incendio del 64 d.c. fu un evento epocale per Roma: in 9 giorni il fuoco distrusse la maggior parte della città lasciandola in uno stato di prostrazione. Nerone cominciò a ricostruire donando a Roma quell’aspetto imperiale che giungerà fino a noi attraverso i successori, e colse l’occasione per costruirsi finalmente una casa degna di un imperatore: la leggendaria Domus Aurea. Una villa immensa in pieno centro: pareti con marmi preziosi, volte decorate in oro e centinaia di opere d’arte (qui fu ritrovato il Laocoonte dei Musei Vaticani) ma anche pascoli, spazi sconfinati e un lago artificiale le meritarono l’appellativo che ancora oggi porta. Visiteremo il cantiere di restauro !

visita guidata domus aurea

Domus Aurea e l'incendio di Nerone

L’incendio del 64 d.c. fu un evento epocale per Roma: in 9 giorni il fuoco distrusse la maggior parte della città lasciandola in uno stato di prostrazione. Nerone cominciò a ricostruire Roma e colse l’occasione per costruirsi finalmente una casa degna di un imperatore: la leggendaria Domus Aurea.

Eur in bici

L’E42, questo il nome dell’EUR all’epoca, sarebbe dovuto essere la massima esaltazione architettonica e artistica del fascismo. Questo quartiere è forse una delle imprese migliori di Mussolini e potremo scoprirlo con una rilassante passeggiata domenicale in bicicletta quando il quartiere è vuoto.

Fori di Traiano e di Cesare

Perché il cavallo del foro di Cesare aveva zampe umane? Che cosa custodiva la base della colonna Traiana? I Fori Imperiali non erano semplici piazze al centro della città, ma centri funzionali completi di negozi, tribunali, biblioteche e templi, dove il popolo poteva incontrarsi fra splendidi monumenti eretti dagli imperatori. Terminate le installazioni estive di Piero Angela, per la prima volta è possibile provare l’emozione di passeggiare di giorno nel primo e nell’ultimo dei Fori Imperiali: quello di Cesare e quello di Traiano!

Fori Imperiali

Dove si trovava il candelabro a sette braccia del tempio di Gerusalemme? Perchè la colonna Traiana è alta 40 metri? Come mai la statua equestre di Cesare aveva zampe umane? La grande Roma imperiale dopo duemila anni rivive i suoi fasti: scopri insieme a noi il tempio dove si riuniva il Senato per le dichiarazioni di guerra, il tempio che custodiva la statua di Cleopatra, il luogo dove venne sepolto Traiano…

Fori Imperiali dall'alto

Roma non l’hai mai vista così: le splendide colonne corinzie del Tempio di Augusto sono sotto i nostri occhi, la possente mole della Torre dei Conti è alla nostra stessa altezza. La vista spazia dal Colosseo all’Altare della Patria, dalla Colonna Traianea alla Torre Borgia. L’occhio non sa dove posarsi, tutto è meraviglia. Dalla splendida terrazza in via Tor de’ Conti, seduti comodamente a sorseggiare un buon vino, Roma appare veramente eterna.

Visita guidata al Foro Romano (Roma)

Foro Romano

Rivivremo le feste dei Saturnalia, il tentativo di ripristinare il paganesimo dopo Costantino, il giorno della divinazione di Cesare, quello dell’impalazione della lingua di Cicerone ai Rostra, il tutto condito da ricostruzioni virtuali dei monumenti…e mai la Roma antica sarà stata così attuale!

Le casette medievali di Trastevere

Perché la più famosa locanda di Trastevere era intitolata alla Sciacquetta? Cosa dovevano fare gli ebrei che portavano un morto al cimitero? Numerose storie si nascondono nelle intrigate vie di questo rione, che più di altri rappresenta l’essenza stessa della città. Ci troviamo non nella Trastevere delle consuete passeggiate serali, bensì in quella nascosta, che ama farsi apprezzare all’occhio più attento.

Galleria Borghese

Visita alla splendida galleria del cardinale Borghese dove potremo ammirare sei capolavori di Caravaggio e altrettante stupefacenti sculture di Gian Lorenzo Bernini.
Ma come sono giunte queste opere nella Galleria? Chi era il collezionista spregiudicato che fece trafugare la Deposizione di Raffaello da Perugia pur di ottenerla? Perchè la scultura di Paolina Borghese del Canova tiene in mano una mela?

Galleria Nazionale d'Arte Moderna

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna ha riaperto al pubblico completamente riallestita e con nuove opere tratte dai depositi. Seguiremo gli sviluppi dell’arte del XIX secolo, dal paesaggismo dei macchiaioli a quello degli impressionisti, dalla scultura neoclassica di Canova e Thorvaldsen a quella di Rodin e Medardo Rosso, dalla pittura storica di Hayez a quella futurista di Balla, fino agli splendidi capolavori di Van Gogh e Klimt qui ospitati.

Sotterranei delle Terme di Caracalla

Come avveniva il riscaldamento delle terme? Quanto legname serviva? I bagni più favolosi dell’Impero Romano non potevano che essere imponenti anche nei sotterranei: le gallerie, lunghe 4 km, erano percorse da carri, ed ospitavano i forni per il riscaldamento e il legname. Anche se ci sei già stato…devi ritornarci!

Ghetto archeologico

Cosa si nasconde nello scantinato in via di S. Angelo in Pescheria? Perchè sulla terrazza del condominio in via della Tribuna di Campitelli c’è un capitello? Cosa sono quelle colonne davanti al ristorante “Da Gigetto”? La zona del Ghetto di Roma è una vera miniera di reperti antichi: come tutti i tesori, giacciono nascosti in luoghi impensati, lontani da sguardi indiscreti. A noi il compito di svelarli: e così, accanto a monumenti celeberrimi come il Teatro Marcello e il Portico di Ottavia, potremo apprezzare ciò che rimane del Circo Flaminio e del Tempio di Giunone Regina…e la IX regio dell’antica Roma, denominata Circus Flaminius, improvvisamente riaffiorerà davanti ai nostri occhi…

Giovanni Boldini - Ritratto di Josefina Alvear de Errazuriz

Giovanni Boldini

In questa splendida mostra monografica su Giovanni Boldini, potremmo ammirare non solo le sue famosissime donne diventate icona della Belle Epoque parigina ma anche quadri di altri generi pittorici che ci faranno finalmente apprezzare la preparazione a tutto tondo di questo straordinario pittore.

Il Gianicolo in bici elettrica

Hai mai provato una bici elettrica? In sella alle nuovissime bici non sentiremo per niente la salita e osservare il panorama del Gianicolo di notte sarà un vero incanto…

Sutri - Palazzo Vescovile

Sutri

Perchè Carlo Magno edificò un castello aSutri? Come mai la navata del Duomo fu costruita leggermente ricurva? Città antichissima fondata dal leggendario re Saturno, Sutri fu fiorente centro prima sotto gli etruschi, poi sotto i romani, poi di nuovo al tempo dello Stato Pontificio. Di questo glorioso passato rimangono incredibili testimonianze…

Il Laterano

In attesa dell’apertura del Giubileo Straordinario della Misericordia che avverrà l’8 dicembre, approfondiamo la storia delle Basiliche Maggiori e delle Porte Sante in 4 appuntamenti a cadenza quindicinale. Il Laterano era una zona periferica della Roma imperiale di cui si conservano alcune importanti testimonianze archeologiche. Ben prima che la basilica di San Pietro divenisse il centro del mondo cattolico, l’antica e malandata Basilica di San Giovanni in Laterano era la residenza ufficiale dei papi e il posto ideale ove custodire le più preziose reliquie dei Santi.

Santa Maria Maggiore

Santa Maria Maggiore

Santa Maria è la Maggiore delle chiese mariane, la prima costruita subito dopo il Concilio di Efeso e che “istituì” il culto mariano. La papale basilica patriarcale maggiore arcipretale liberiana di Santa Maria Maggiore ha avuto altri nomi, come la basilica liberiana oppure Nostra Signora della Culla o ancora Santa Maria delle Nevi. Dietro ad ogni nome c’è una o più leggende da raccontare ripercorrendo più di 1200 anni di storia cattolica e di storia dell’arte.

Basilica di San Pietro

La più grande chiesa cristiana del mondo (ma non secondo tutti) è proprio la nostra Basilica di San Pietro, centro assoluto della cristianità. I numeri ne sottolineano le dimensioni straordinarie ma straordinarie sono anche le opere d’arte che vi erano e vi sono custodite e soprattutto rarissime reliquie come la vera Croce e la spada di Longino…

visita sotterranei S. Sabina

Sotterranei di Santa Sabina

Esempio perfettamente conservato di basilica paleocristiana, S. Sabina ci consente di comprendere come i primi cristiani costruivano le loro chiese: ben proporzionate secondo i canoni vitruviani, splendidamente decorate con mosaici, ancora in situ. Ma qual è l’origine pre-cristiana del sito? Per scoprirlo dovremmo scendere nei sotterranei…qui ci saremmo trovati nell’estrema periferia della Roma repubblicana, dove passavano le mura di Servio Tullio. Alcuni edifici residenziali con pavimenti decorati a mosaico furono costruiti sulle mura, e perfino un iseo vi venne impiantato.

I bulli de Trastevere

Ti piacciono i film di Verdone? Sei curioso di scoprire le radici dell’odierno coatto di Roma? Allora ad attenderti è una curiosa passeggiata in compagnia del Tinèa, il più famoso bullo di Trastevere! Il Tinèa ci accompagnerà per i vicoli più sperduti di Trastevere: conosceremo la sua casa natale, le locande e i locali più in voga, i luoghi dei duelli, i suoi amici, compreso er Paranza, Toto er Pizzuto, lo Sturapippe. Er Più de’ Trastevere ci racconterà il suo codice d’onore, le sue armi, il suo clan, la cerimonia di iniziazione…

I palazzi dipinti di Roma

Nel Rinascimento scoppia la moda di decorare le facciate dei palazzi nobiliari: a Roma giungono artisti specializzati in questo genere artistico, come Polidoro da Caravaggio e Maturino da Firenze. Oggi questi palazzi giacciono per lo più nascosti nei vicoli del centro, dimenticati dal turismo di massa ma pronti ad offrire visioni inaspettate agli occhi dei più sensibili all’arte…

I racconti del Ghetto

Quale fantasma aleggia ancora nel Portico di Ottavia? Perchè le finestre in piazza Mattei sono murate? Vi fu veramente un papa ebreo? Un mondo a parte, quello del Ghetto, che ne ha fatto teatro di una quantità smisurata di racconti e leggende: si celano tra gli scrosci della fontana delle Tartarughe, le colonne del Portico di Ottavia, la perduta casa di Cola di Rienzo, pronti ad essere svelati…

Basilica santa Cecilia a Trastevere

Nel cuore di Trastevere sorge una delle basiliche più belle di Roma: Santa Cecilia. Nota per i suoi mosaici paleocristiani, il ciborio capolavoro di Arnolfo di Cambio, la celebre statua di Cecilia di Stefano Maderno, la chiesa custodisce anche il capolavoro pittorico di Pietro Cavallini, il Giudizio Universale. Nei sotterranei vedremo anche i resti di un’antica domus del II secolo a. C., trasformata in seguito in un’insula e il balneum dove fu martirizzata santa cecilia.

L'Aurora di Guido Reni nel Casino Pallavicini

Il Casino dell'Aurora Pallavicini

Il Casino dell’Aurora Pallavicini, una piccola costruzione nel bel giardino del palazzo Pallavicini Rospigliosi è un vero e proprio scrigno di tesori e prende il nome dallo stupendo affresco dell’ Aurora dipinta da Guido Reni nel 1614, una delle immagine iconiche del barocco romano, tra le più studiate e copiate dagli artisti. Proseguiremo la visita con una breve passeggiata lungo via del Quirinale alla scoperta di altri capolavori di Bernini e Borromini.

Il Cinema a Roma

A chi non piace il Cinema, quello con la C maiuscola? In questa passeggiata al centro di Roma scopriremo tantissime curiosità e aneddoti sulle location di film famosissimi: dove viene rubata la bicicletta di Ladri di biciclette? Dove girò la Dolce Vita Fellini? Dove si spogliò la Loren davanti ad un Mastroianni ululante in Ieri Oggi e Domani? La scena della “lana mortaccina” di Sordi ve la ricordate? Dov’era il ristorante di Delitto al ristorante cinese con Thomas Millian? Dove si baciano appassionatamente Accorsi e la Ferrari in Saturno Contro?

Ipogeo di via Livenza

Nel 1923 gli scavi per la costruzione di una palazzina tra via Livenza e via Po portano alla scoperta di un insolito edificio sotterraneo: costruito a forma di circo, contiene una vasca e affreschi del IV sec. Diana convive con una raffigurazione di S. Pietro, una ninfa con quella delle colombe delle catacombe. Le interpretazioni del misterioso edificio sono tra le più affascinanti: santuario della setta misterica di origine tracia dei Baptai, ninfeo o antico battistero…

Coppedè esoterico

In occasione del 150esimo anniversario della nascita di Gino Coppedè, ci addentreremo nel quartiere surreale, fantastico ed esoterico da lui creato a inizio Novecento. L’eclettico architetto genovese conferì alla zona un carattere talmente particolare che il suo marchio divenne noto come “stile Coppedè”, vituperato da d’Annunzio ma osannato da tante potenti famiglie italiane. Cos’aveva di tanto particolare? Perché suscitava amore e odio? Questa volta indagheremo più a fondo il significato dei simboli disseminati nel quartiere cercando di capire se e come Gino Coppedé era davvero esoterico…

Vittoriano. Monumento e salita con gli ascensori panoramiciMonumento e salita con gli ascensori panoramici

Il Vittoriano

Questo importante monumento dalla lunga storia, ricorda a noi posteri i valori su cui l’Italia si è unita sotto il primo re Vittorio Emanuele II di Savoia. Racconteremo la storia della costruzione, interpreteremo le allegorie delle belle decorazioni che lo ornano e infine saliremo sulla terrazza panoramica con gli ascensori per ammirare uno dei più bei panorami su Roma antica.

Crociera sul Tevere

Come facevano nel Rinascimento a misurare le piene del Tevere? Cosa costruì Belisario sul fiume per ostacolare l’invasione di Totila? Forse non è più il biondo fiume degli antichi, ma di certo il Tevere conserva ancora intatto il fascino di una storia millenaria composta di miti e leggende, di ponti che uniscono e alluvioni che devastano. Percorreremo il fiume per gran parte del suo tratto urbano, da Ponte S. Angelo fino all’Isola Tiberina, dove si snodano i fatti più singolari della storia di Roma: la leggenda degli Argei, il mito di Orazio Coclite, la cacciata dei Tarquini. Vieni a vivere Roma da un’altra prospettiva!

In bici al Parco degli Acquedotti

Più imponenti delle Piramidi, e per di più con una utilità sociale: degli 11 acquedotti che rifornivano d’acqua la Capitale, ben 7 si trovano qui. Il Parco degli Acquedotti conta la più lunga serie ininterrotta di arcate ad oggi conservatasi, che raggiunge gli 1,4 km: i rami degli acquedotti a tratti si rincorrono parallelli, in altri serpeggiano allontanandosi e riavvicinandosi, in due punti incredibilmente si scambiano di posizione incrociandosi…

Bike tour mura di Roma

In bici lungo le mura di Roma

Cos’è uno scorpione in ambito militare? Perchè Porta S. Sebastiano presenta curiose sporgenze? Come mai Nerone ingoia una rana? Leggende e curiosità si susseguono ininterrottamente per ben 19 km, tanta è la lunghezza della cinta muraria di Roma. Le sue mura, fatte costruire dall’imperatore Aureliano nel 273 d.C., erano le più estese del mondo antico…

In bici sull'Appia Antica

Quanto impiegavano i Romani a raggiungere Brindisi? Come funzionava la “ztl” nella Roma antica? Venivachiamata “regina viarum”, perchè conduceva al ricco e civilizzato Oriente; nel ‘700 le sue rovine nella idilliaca campagna romana infatuarono numerosi pittori. Oggi per tutelare questo immenso patrimonio naturale-artistico è stato istituito il Parco Regionale dell’Appia Antica: nella tranquilla area pedonale con comode biciclette attraverseremo il fiume Almone, la chiesetta del Quo Vadis, il circo di Massenzio, la tomba di Cecilia Metella, una chiesa gotica…perfino una colata lavica! Benvenuti nella regina viarum, la pista ciclabile più bella di Roma…e il percorso diventa meta stessa del viaggio…

In bici sull'Appia Antica dal V miglio

Perchè la via Appia è diversa da tutte le altre strade che hanno costruito i Romani? Come avveniva un viaggio al tempo dell’antica Roma? Soddisfa la tua sete di cultura e di sport con la più classica delle passeggiate in bicicletta: percorso e meta stessa del nostro viaggio è la “regina viarum”, l’antica strada che da Roma conduceva al ricco e civilizzato Oriente.

Interno sula Ara Coeli

Insula dell'Ara Coeli

Perchè Marziale ha paura di dormire in casa? Come arredavano la propria abitazione gli antichi Romani? Archi di trionfo, colonne onorarie, templi: nell’immaginario collettivo Roma antica si presenta così. Ma vi siete mai chiesti dove vivevano i comuni cittadini? Il più grande condominio che l’archeologia ci abbia mai restituito è pronto a raccontarti i suoi 4 piani di storia. Nemmeno ad Ostia Antica e a Pompei è sopravvissuto un edificio conservato a tale altezza…

Isola Tiberina

Da cosa è formata l’isola Tiberina secondo una leggenda dell’antica Roma? Cosa facevano di notte sull’isola i fedeli di Esculapio? La voce del fiume Tevere ci racconta la sua storia, fatta di leggende, di guerre e divinità. Scopriremo insieme il serpente dell’isola, il pozzo della guarigione, la colonna della guerra…capirete che niente è ciò che si vede, in confronto a ciò che si immagina!

Basilica di S. Lorenzo fuori le Mura

La basilica di S. Lorenzo fuori le Mura o al Verano, una delle sette chiese e basilica patriarcale fino al XIX secolo, fu fondata addirittura da Costantino I nel IV secolo d.c.. Visiteremo la parte ottocentesca del cimitero, con le tantissime suggestive tombe monumentali dislocate nel Quadriportico e sul Pincetto; un vero viaggio attraverso tutte le variazioni possibili sul tema della morte dove ogni tomba racconta una storia diversa.

visite guidate mausoleo S. Costanza

Mausoleo di S. Costanza

Una basilica concepita come un circo per le bighe, una tomba a forma circolare, una chiesa semi-ipogea: il complesso archeologico di S. Agnese fuori le Mura è una sintesi eccelsa delle maestose costruzioni che caratterizzano i primi secoli del cristianesimo. A partire dalla basilica costantiniana, che presentava l’eccezionale lunghezza di 98 m ed era luogo di pellegrinaggio per il numero considerevole di sepolture di martiri. Originariamente lo splendido mausoleo di Costanza gli era addossato: la figlia di Costantino desiderava infatti esser sepolta accanto alla martire Agnese e costruisce per se una tomba meravigliosa, ricca di mosaici e dall’affascinante forma circolare. Infine nel VII sec papa Onorio conclude l’opera monumentale edificando in onore di S. Agnese una grande basilica a tre navate proprio sopra alle catacombe a lei intitolate.

www.roma2oggi.it

Casina delle Civette a Villa Torlonia

Villa Torlonia è uno dei gioielli poco noti di Roma. A due passi dal quartiere Coppedé vi è uno splendido esempio di arte liberty nella deliziosa Casina delle Civette che ospita il sorprendente museo della vetrata artistica. Fu questa la residenza del “sapiente” Giovanni Torlonia, colui che affittò per 1 lira a Benito Mussolini il Casino Nobile, elegante esempio di architettura e decorazione neoclassica. Fa da cornice a questi e ad altri edifici un suggestivo parco che serba molte sorprese…

La danza delle lucciole

Come fanno le lucciole a emettere la loro caratteristica luce? Quale singolare sistema hanno per nutrirsi? Le notti di giugno sono il momento migliore per scoprire in tutta la loro suggestione questi simpatici coleotteri. Non occorre però recarsi fuori Roma per trovarle in gran numero: basta recarsi in uno dei pochi luoghi incontaminati della città, qual è la Tenuta di Tor Marancia, dal 2002 inserita nel Parco dell’Appia Antica. La passeggiata naturalistica in notturna ci porterà alla scoperta dei caratteristici insetti lampiridi accompagnati da una guida esperta attraverso il fitto bosco della tenuta.

La Garbatella

Che gentilezze riservava la Garbata Ostella ai viandanti? Perchè i nomi delle vie richiamano il mondo marinaro? Che ci faceva un elefante bianco a Roma? Entreremo in un mondo diverso, fatto a misura d’uomo, scoprendone la storia e gli angoli più suggestivi.

Galleria dei gladiatori

La Luna sul Colosseo

Da dove partivano le navi per le battaglie navali? Come venivano fatti entrare i leoni nell’arena? I sotterranei e l’arena sono di certo i settori più affascinanti del Colosseo, e questa volta potrai visitarli nella suggestione dell’illuminazione notturna e in completa solitudine…

Galleria dei gladiatori

La Luna sul Colosseo

Da dove partivano le navi per le battaglie navali? Come venivano fatti entrare i leoni nell’arena? I sotterranei e l’arena sono di certo i settori più affascinanti del Colosseo, e questa volta potrai visitarli nella suggestione dell’illuminazione notturna e in completa solitudine…

visita fantasmi di Roma

Fantasmi di Roma

Vi siete mai imbattuti nei dintorni di piazza Navona in una gentil dama con la mano mozza? Vi è forse capitato di notare una carrozza infuocata varcare ponte Sisto? Anche se non siete soliti vagare per Roma nelle tempestose notti d’inverno, statene certi: una città bimillenaria come Roma ne ha di storie misteriose da raccontare…

La notte delle streghe

“Quando nella tua casa neri corvi partoriranno bianche colombe, allora sarai chiamato sapiente”: e’ solo uno dei motti esoterici riportati sopra una misteriosa porta di piazza Vittorio. Ma cosa si cela sotto l’Esquilino? Perche’ da quelle parti si celebrava la notte delle streghe? Molti sono i segreti sepolti nei crocicchi delle vie, nelle tombe delle chiese, in famosi monumenti sotto gli occhi di tutti…

La Roma di Adriano

Cosa era posto sulla sommità della tomba di Adriano? Perché l’imperatore ammazza il suo architetto Apollodoro di Damasco? Personaggio tra i più celebri della storia, Adriano fu regnante amato e osteggiato allo stesso tempo: desideroso di stare vicino ai suoi sudditi, viaggiò senza sosta fra le province del suo vastissimo impero; la sua vita non fu però esente da aspetti controversi, come l’affetto smisurato che provò per il fanciullo Antinoo. Filosofo della scuola stoica, il suo genio eclettico si manifestò attraverso i suoi scritti e le sue architetture: noi lo conosceremo tramite i grandiosi monumenti che lasciò nella Capitale dell’impero, primi fra tutti Castel S. Angelo e il Pantheon…

caravaggio chiese di roma visita guidata

Caravaggio nelle chiese di Roma

Una manciata di dipinti pubblici racchiusi in sole tre chiese romane. Tanto basta a Caravaggio per stravolgere per sempre la Storia dell’Arte. Quali sono le novità sconcertanti della sua pittura rivoluzionaria? Gli scandali nascosti dietro i suoi personaggi?

La Roma esoterica di Bernini e Borromini

Perchè i falchi di Palazzo Falconieri hanno il seno? Come mai la fontana dei Fiumi è cava all’interno? Il Barocco è illusione, scenografia, stupore, cercati ad ogni costo, nella forma e nei richiami simbolici. Nella Roma Barocca del ‘600 circola un visionario frate gesuita di nome Athanasius Kircher, esperto conoscitore della simbologia degli antichi, mentre si sviluppa proprio in questi anni la Massoneria. Ogni palazzo è come un tempio, ogni obelisco è albero della vita, Dio ne è supremo architetto, il percorso dell’uomo è continua ascesi verso la Sapienza che deriva solo da Dio…

Le case dipinte di Ostia Antica

Come mai nelle case di Ostia prevalgono affreschi di carattere dionisiaco? Perchè le dodici Muse hanno tutte una piuma fra i capelli? Figure che si librano in volo fra quinte architettoniche, festoni, animali fantastici, cavalli marini, splendori di rossi, verdi, ocra: pur trattandosi di insulae (cioè condomini), le pareti delle case di Ostia stupiscono per l’abbondanza di pitture…

visita guidata villa dei quintili

Villa dei Quintili

Itineroma ti dà la possibilità di visitare con un unico biglietto 2 impareggiabili monumenti presenti sulla via Appia! Si comincia questa domenica con la villa dei fratelli Quintili: una vastissima domus, seconda solo a Villa Adriana per estensione, completa di aule termali, sale con mosaici, un anfiteatro, uno stadio, un acquedotto. Si continua sabato prossimo con la tomba di Cecilia Metella, il più grande mausoleo di Roma destinato a un privato cittadino, convertito in fortezza dai Caetani nel Medioevo, che conserva al proprio interno una colata lavica!

Mausoleo di Romolo

Dopo 20 anni finalmente riapre al pubblico il monumentale sepolcro che l’imperatore Massenzio dedicò all’inizio del IV sec d.C. a suo figlio Romolo, morto prematuramente. Perchè la struttura è circolare? A che serviva il porticato che la cinge ai 4 lati? La tomba dinastica è però solo una parte dell’area archeologica. Al suo interno infatti è presente nientemeno che il circo antico meglio conservato al mondo: il Circo di Massenzio. Le torri angolari, la tribuna dei giudici, il posto dove sedeva l’imperatore, i cancelli di partenza delle bighe, la porta trionfale sono ancora perfettamente visibili…

MAXXI

Il Maxxi, capolavoro architettonico di Zaha Hadid che stupisce per le sue forme fluide e dinamiche, si integra perfettamente nella città di Roma, solitamente restia ad accettare l’arte contemporanea. Il museo dell’architettura che è esso stesso opera d’arte architettonica ospita mostre di arte contemporanea in ambienti nuovi e suggestivi che stimolano i sensi; le forme curve, le prospettive inaspettate, la luce naturale diffusa da sistemi innovativi ci regaleranno emozioni nuove.

visita guidata mercati traianei

Mercati di Traiano

Come fa Apollodoro di Damasco a ricavare lo spazio per costruire i Mercati di Traiano? Perchè la Torre delle Milizie è pendente? Il grande complesso architettonico voluto da Traiano come estensione del suo foro imperiale è oggi un luogo unico dove poter passeggiare lungo un’autentica strada romana lunga ben 200 m, con tanto di edifici di due e tre piani ai lati ed un pittoresco arco che la sovrasta; da qui è possibile godere di un’impareggiabile vista dei Fori Imperiali e piazza Venezia dall’alto, totalmente immersi nell’antichità…

Meridiana di Augusto

Fra tre settimane entrerà in vigore l’ora solare che allineerà il tempo alla reale parabola celeste del sole. Nel I sec d.C. non si potevano spostare le lancette degli orologi e le ore nella città di Roma erano segnate da un obelisco egizio che proiettava la sua ombra su un enorme quadrante collocato nel Campo Marzio. Le sue dimensioni ne facevano l’orologio solare più grande del mondo…

Mitreo Barberini - grotta cosmica

Mitreo Barberini

Il dio Sole uccide il toro cosmico, mentre un cane e un serpente ne succhiano il sangue; alla scena assistono Cautes e Cautopates, uno con la fiaccola rivolta verso l’alto, l’altro con la fiaccola rivolta verso il basso. Il misterioso affresco campeggia nella parete di fondo dell’aula di culto del dio Mitra, alcuni metri sotto Palazzo Barberini: una lunga sala rettangolare con fori sul soffitto, banconi ai lati, altari e nicchie per statue. Siamo nel lontano II sec d. C. e la religione mitraica si diffonde a macchia d’olio nella Roma imperiale…

visite guidate mitreo s. prisca

Mitreo di S. Prisca

Che ci fanno le croci delle beatitudini dei Templari sul portale d’ingresso della chiesa di S. Prisca? Perchè nel tempio di Mitra è presente un disco con 7 cerchi concentrici? In pochi altri luoghi a Roma le testimonianze dei culti pagani si incrociano con la storia dei primi cristiani, in una convivenza che fu tutt’altro che pacifica. E così può capitare che una chiesa cristiana sia stata costruita proprio sopra un antico tempio pagano. La discesa al santuario di Mitra può essere un’esperienza emozionante: nella penombra dei sotterranei i geni Cautes e Cautopates sorvegliano l’ingresso della grotta mistica del dio Sole, lungo le pareti si dispiega una processione di misti verso il dio, e Mitra si staglia in fondo in atto di uccidere il toro e liberare l’umanità…

visita Mitreo terme Caracalla

Mitreo e gallerie sotterranee delle terme di Caracalla

Dopo 4 anni di chiusura riapre finalmente al pubblico (solo per l’estate!) il mitreo più grande di Roma, l’unico in cui sia possibile ammirare la fossa sanguinis, dove avveniva il sacrificio del toro, momento topico del culto mitraico. Come avveniva il battesimo di sangue dei fedeli mitraici? Perchè il mitreo è sotterraneo? Inoltrandoci negli ipogei delle terme, perlustreremo le imponenti gallerie sotterranee, lunghe 4 km, percorse da carri, che ospitavano i forni per il riscaldamento e il legname.

Monte dei Cocci

Quali sono i sette colli artificiali di Roma? Perchè via Marmorata si chiama così? A Testaccio (o meglio: nell’antico Emporium) approdano le navi provenienti da Ostia, magazzini lunghi mezzo chilometro custodiscono merci da ogni parte dell’impero e quello che non serve viene gettato in periferia. Di rifiuti dopo 300 anni ce ne sono in misura sufficiente a formare un monte alto 30 metri: nel Medioevo lo chiameranno Monte de’ Cocci…

Moschea di Roma

Come mai la cupola della moschea ha 7 gradini? Perchè il simbolo dell’Islam è la mezzaluna? 17 cupole di piombo, una sterminata schiera di colonne a calice, un’architettura che cerca di ascoltare due civilta’ architettoniche, quella occidentale e quella araba, e trovare dove esse si incontrano. Il risultato e’ la Grande Moschea di Roma, il luogo di culto musulmano più grande d’Europa, in grado di ospitare al suo interno duemila fedeli…

Muraglioni di Kentridge in bici

Trionfi e lamenti si dispiegano per 550 metri sui muraglioni di lungotevere, da Ponte Sisto a Ponte Mazzini: questo il titolo dell’opera fortemente voluta dall’artista sudafricano William Kentridge. Dal 21 aprile ben 80 figure, tra cui la storia di Romolo e Remo, il bagno di Anita Ekberg, il bombardamento di S. Lorenzo, la colonna traiana, resteranno impresse come in un cortometraggio sulle sponde del fiume. Lo spettacolo in bici è garantito…

Musei Capitolini visita guidata roma

Musei Capitolini

Nella straordinaria cornice notturna potremo ammirare gli splendidi capolavori del più antico museo del mondo. Nati nel XV sec a partire da una donazione di papa Sisto IV al comune di Roma, i Musei Capitolini ampliarono la loro esposizione nel corso dei secoli, fino a svilupparsi nell’attuale percorso di visita tra Palazzo dei Conservatori, Galleria Lapidaria, Tabularium e Palazzo Nuovo. Vieni a vivere con noi l’emozione del trionfo di Marco Aurelio, i colossali resti della statua gigante di Costantino, i rarissimi bronzi dello Spinario, di Bruto e del Marco Aurelio, i resti alti oltre 6 m del tempio della Triade Capitolina…

Musei Vaticani di notte

Musei Vaticani

Vivi a Roma e non hai mai visitato la Cappella Sistina? L’ultima volta che hai visto le Stanze di Raffaello risale alla prima media? Corri ai ripari!

Musei Vaticani di notte

Musei Vaticani di notte

Nell’ultima apertura serale della stagione, attraverseremo le splendide gallerie dei Musei Vaticani praticamente vuoti ammirando alcune tra le opere d’arte più importanti al mondo. Sfateremo molte leggende sul “tenebroso” Michelangelo e scopriremo nel dettaglio cosa, come e perché dipinse quello che dipinse nella Cappella Sistina, la più grande opera pittorica ad affresco della pittura occidentale. Tutto questo senza fare file stressanti e con la suggestiva atmosfera notturna!

Museo etrusco di Villa Giulia

Scendere nell’unica tomba etrusca completamente affrescata di Roma, ammirare le decorazioni di un tempio arcaico risalente a 2500 anni fa, emozionarsi di fronte al tenero abbraccio del Sarcofago degli Sposi…In via eccezionale il più importante museo di arte etrusca del mondo apre le porte di sera: un’occasione unica per ammirare non solo il meglio dell’arte etrusca ma anche la Villa di Giulio II, compreso il ninfeo recentemente restaurato e tornato al suo antico splendore.

visita guidata necropoli cerveteri

Necropoli etrusca di Cerveteri

Da dove vengono gli Etruschi? Che attività svolgeva la famiglia dei Matunas? Per ben 600 anni, tra il IX ed il III secolo a.C., una vasta area di mille ettari venne utilizzata come necropoli. I suoi frequentatori, gli Etruschi, costituivano una civiltà progredita con molti punti di contatto con quella greca. Essi decorarono le loro tombe come fossero abitazioni: ingressi, porte, tetti, sedili, letti, erano gli stessi che avremmo potuto trovare nelle loro case. Passeggiando fra i sepolcri si ha davvero l’impressione di camminare in una città: le tombe sono più di 400, divise in isolati, tagliati da strade principali e viuzze secondarie…

Visita guidata a Castel Gandolfo, palazzo Apostolico e giardini Barberini

Castel Gandolfo

La classica ottobrata romana fuori porta come nella migliore tradizione sarà a Castel Gandolfo, non solo per mangiare e cantare stornelli ma soprattutto per riscoprire le nostre radici fin dai tempi antichi di Alba Longa, dove nacquero Romolo e Remo… Un rapporto particolare e a volte conflittuale ha legato i papi ai Castellani… ed è proprio grazie a questo nuovo, diverso, piccolo mondo in cui alcuni amavano rifugiarsi che potremo scoprire il lato più umano dei papi, lontano dall’ufficialità del Palazzo Apostolico e dall’etichetta cui erano obbligati…

Domus Augustana sul Palatino

Perchè le pareti di marmo del palazzo imperiale di Domiziano venivano sempre lucidate a specchio? Come faceva la sala da pranzo di Nerone a roteare? Ti sei mai chiesto da dove deriva la parola “palazzo”? Un’immensa residenza grande quanto un colle, completa di terme, ippodromo, lago artificiale e stanze riscaldate per un totale di 49 mila mq: dall’umile capanna dove risiedeva Romolo, i regnanti di Roma ne hanno fatta di strada…

Nerone e il grande incendio di Roma

19 luglio 64 DC: le fiamme bruciano per 9 interminabili giorni su Palatino, Aventino e Colle Oppio; duecentomila i senzatetto; 3 delle 14 regioni augustee vengono totalmente rase al suolo. L’incendio, che dopo 6 giorni sembrava domato, riprende in altri focolai il settimo giorno. Alcuni uomini vengono visti appiccare il fuoco. L’imperatore Nerone giunge da Anzio per soccorrere la popolazione ma molti nutrono sospetti su di lui. Come si arriva all’accusa dei Cristiani? Cosa stava facendo S. Paolo in quel momento? Come vengono organizzati i soccorsi? Ripercorriamo la storia del piu’ grande incendio tramandatoci dalla storia antica, scoprendone le evidenze archeologiche e la ricostruzione urbanistica che ne segui’.

Ninfeo degli Annibaldi

Un’intera parete alta 6 metri e larga altrettanto, interamente ricoperta di conchiglie, madreperla e smalto con frammenti di pietra pomice e brecce. E’ quanto si rinviene varcando un anonimo ingresso su via degli Annibaldi, a pochi passi dal Colosseo. A cosa serviva? Chi lo costruì? Il monumento, unico nel suo genere, risale al I sec a.C. e se ne perse memoria quando fu interrato in seguito alla costruzione della Domus Aurea. Per fortuna, gli scavi del 1895 per l’apertura di via degli Annibaldi, lo hanno riportato alla luce, ma solo per gli audaci che varcano la soglia dell’ignoto…

visita guidata palazzo altemps

Palazzo Altemps

La sontuosa dimora rinascimentale degli Altemps fa da cornice a grandi capolavori dell’arte antica, collezionati dalle più importanti famiglie romane (Mattei, Del Drago, Boncompagni – Ludovisi). Lasciatevi stupire dalle forme del Galata morente e dell’altare Ludovisi inserite in sale dagli splendidi soffitti lignei affrescati, dall’unica chiesa privata in possesso delle spoglie di un papa, dal meraviglioso cortile interno colmo di statue antiche: da queste parti l’occhio non sa dove posarsi…

Palazzo Barberini

In occasione della prima domenica del mese, entreremo nel piano nobile di Palazzo Barberini, il palazzo di rappresentanza che per la propria famiglia volle papa Urbano VIII, il famigerato papa del “quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini”. I più grandi nomi del Barocco vi lavorarono all’architettura e alle decorazioni: Carlo Maderno, Gian Lorenzo Bernini e il giovane Borromini che ci ha lasciato piccoli gioielli, e ancora Pietro da Cortona e Andrea Sacchi.

visita guidata palazzo farnese caprarola

Palazzo Farnese a Caprarola

Un paese ricostruito per far da sfondo ad un palazzo, una struttura pentagonale edificata in soli 27 anni, i migliori artisti chiamati ad affrescarne gli interni: questi sono i Farnese, all’apogeo della loro potenza quando sale al trono papale Paolo III. Il piccolo borgo di Caprarola ne porta indelebile la firma, ed al di là del suo dedalo di viuzze caratteristiche si staglia l’imponente mole di Palazzo Farnese.

Palazzo Massimo - Villa di Livia

Palazzo Massimo alle Terme

Perchè Hitler si porta in Germania la statua di Dioniso? Cosa si faceva nei dies endotercisi del calendario romano? In nessun luogo come a Palazzo Massimo affreschi, statue e mosaici ci raccontano le incredibili vicende dell’antica Roma: Caligola si fa costruire due immense navi concepite esclusivamente come lussuose sale da ricevimento; la moglie di Augusto abbellisce la propria sala da pranzo estiva con un finto giardino…

visita guidata palazzo valentini

Palazzo Valentini

Qual è l’unico monumento in cui Adriano pone la sua firma? Dove si trovano le colonne romane più grandi del mondo? Ancora una volta il sottosuolo di Roma riserva straordinarie sorprese, e questa volta lo fa sotto Palazzo Valentini, vicino piazza Venezia. All’unicità del ritrovamento si aggiunge la potenza espressiva della realtà virtuale: pavimenti marmorei corrosi dalla storia tornano al loro stato originale, mura semidistrutte si ricompongono come per magia, mosaici policromi guadagnano i loro antichi colori. Finalmente a Roma un sito archeologico pienamente valorizzato, non a caso top attraction di Tripadvisor nella città di Roma. Prima del Colosseo e dei Musei Vaticani…

Parco della Caffarella

Perchè Erode Attico era così morbosamente devoto a sua moglie Annia Regilla? Dove dormivano i pastori dell’Agro Romano? Per esser solo un sottile lembo di campagna tra la via Appia e la via Latina, la Valle della Caffarella conserva un passato ricco di storia. E’ un piacere passeggiarvici a piedi: attraversando il fiume Almone, visitando il ninfeo di Egeria ed inoltrandosi in un’antica cisterna romana si dimentica di stare a 2 passi dal centro di Roma…

Pensioni, osterie e bordelli di Ostia Antica

Perchè l’imperatore Claudio proibisce il consumo di carne nelle osterie? Cos’era il piperatum, di cui gli avventori dei bar andavano ghiotti? Ostia Antica all’apice dell’Impero era un vivace centro portuale, ricco di osterie, alberghi e bar, dove gente di ogni razza e condizione sociale poteva incontrarsi. Questa volta ci addentreremo proprio nei meandri di questa città, a caccia dei luoghi di ritrovo frequentati dalla gente comune, a scoprire un’archeologia diversa, ma non meno interessante, rispetto a quella monumentale degli imperatori…

Il Pantheon e l'imperatore Adriano

Nel giorno della Pentecoste al termine della Santa Messa in cui verrà rievocata la discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli tramite una spettacolare pioggia di petali di rosa, scopriremo aneddoti, leggende, storie, misteri e geometrie che circondano il monumento più ammirato dagli artisti di tutti i tempi.

visita guidata porta asinaria

Porta Asinaria

Come fa Totila ad entrare a Roma nel 546 d.C.? Perchè all’ingresso della porta è scolpita una croce? Cos’è e come funziona una balista? Nel III sec d.C. Roma è concretamente esposta al rischio di un’invasione nemica: l’imperatore Aureliano si affretta a costruire una cinta difensiva ma gli stretti tempi di realizzo non consentono di approntare una struttura pienamente efficiente. Saranno i suoi successori ad apportare sensibili migliorie. Ecco come Porta Asinaria, una semplice posterula delle Mura Aureliane, nel V sec. viene trasformata in una delle più imponenti porte dell’intera cinta muraria…

Porto di Traiano

Quanto impiegavano le navi romane da Alessandria d’Egitto ad arrivare a Roma? Perchè il nuovo porto costruito da Traiano ha forma esagonale? Nel II sec d.C. Roma era la capitale indiscussa del mondo mediterraneo ma ancora non possedeva un efficiente porto marittimo, a causa del problema dell’insabbiamento delle rive. Traiano risolve il problema con la realizzazione di un’opera titanica consistente nella costruzione di un immenso bacino esagonale e la deviazione delle acque del Tevere. Roma ha finalmente la sua Portus, città portuale con tanto di mura, magazzini, terme e persino un palazzo imperiale e una basilica paleocristiana…

Visita guidata al Quartiere Coppedé di notte - Roma

Il quartiere Coppedè

Ci addentreremo in un posto speciale, fantastico ed esoterico, al di fuori di Roma e del mondo intero; un quartiere nato ad inizio secolo dalla mente di uno strano e curioso architetto genovese, Gino Coppedè; talmente particolare il suo stile che divenne noto come “stile Coppedè”, vituperato da d’Annunzio ma osannato da tante potenti famiglie italiane.

Rione Monti

Qual è la curiosa etimologia di via Panisperna? Perchè il marchese del Grillo fa suonare le campane a lutto? Uno dei quartieri più autentici della romanità, tanto da gareggiare con Trastevere per antichità ed orgoglio, il rione Monti conserva ancora l’aspetto di un paese: torri medievali, piccole chiese, piazze nascoste, vicoli stretti e tortuosi. La zona era la vecchia Subura, il quartiere malfamato di Roma; nel Medioevo diviene sede di potenti famiglie baronali; oggigiorno è un piacere percorrerlo a piedi, attraversando i suoi locali e le sue viuzze caratteristiche.

S. Maria Antiqua

Era rimasta sepolta come un prezioso scrigno sotto tonnellate di terra; nel 1900 ci volle il sacrificio della sovrastante chiesa barocca di S. Maria Liberatrice per riportarla alla luce. Oggi, dopo 30 anni di restauri, torna nuovamente ad essere visitabile la basilica che più di tutte ha influenzato la nostra conoscenza dell’arte pittorica bizantina: 250 mq di affreschi ne fanno la chiesa con la più ampia superficie di affreschi medievali di Roma, un unicum in Italia e nel mondo.

Sotterranei di S. Maria in via Lata

Un edificio a tre navate della prima epoca imperiale viene trasformato in magazzino, poi nel Medioevo diviene luogo di riunione di una comunità cristiana. Molteplici sono le suggestioni evocate da quella che oggi è la cripta della splendida chiesa barocca di S. Maria in via Lata: secondo la tradizione infatti, in questi ambienti disposti lungo l’antica via Flaminia l’evangelista Luca scrisse gli Atti degli Apostoli, qui ospitò san Pietro e perfino S. Paolo vi venne accolto nei suoi due anni di prigionia romani…

visita museo delle mura

Museo delle Mura

Nel 271 d.C. gli Alemanni invadono l’Italia, approfittando dell’assenza dell’imperatore Aureliano, impegnato a sedare una rivolta sul fronte dei Balcani. Le truppe barbariche sbaragliano l’esercito imperiale a Piacenza; il panico si diffonde nella Capitale; i barbari puntano dritti verso Roma. Aureliano però riesce a fermarne l’avanzata prima a Fano, poi a Pavia. Dopo questo episodio, appare chiaro che la Capitale ha urgente bisogno di mura di difesa. Vengono pertanto realizzati 19 km di opere difensive: la più lunga cinta muraria del mondo antico…

san paolo fuori le mura vista guidata roma

San Paolo fuori le mura

Dalla basilica di Costantino a quella Teodosiana, ricordando i terribili momenti dell’incendio del 1823 che distrusse l’unica basilica paleocristiana ancora intatta a Roma, vedremo insieme gli arredi straordinari sopravvissuti, come la porta bizantina in agemina d’argento, il cero pasquale medievale, lo straordinario ciborio di Arnolfo di Cambio, i mosaici absidali, le cappelle con reliquie importantissime, tra cui il famoso crocifisso miracoloso di S. Brigida. Oltre ai capolavori della basilica paleocristiana ancora conservati, visiteremo lo splendido chiostro e i tesori della pinacoteca.

Sepolcro degli Scipioni - facciata dipinta

Sepolcro degli Scipioni

Perchè gli Scipioni si fanno seppellire sulla via Appia? Come mai l’epitaffio di Scipione Barbato è in versi saturni? Un dedalo di corridoi scavati nel tufo, iscrizioni incise in versi arcaici, tombe di raffinato gusto ellenistico: così si presentano agli occhi dei visitatori le tombe della più famosa famiglia dell’epoca repubblicana, gli Scipioni. I suoi membri troneggiano nella storia di Roma del III e II sec a.C.: Scipione l’Africano sconfisse Annibale, Scipione l’Emiliano distrusse Cartagine, Scipione l’Asiatico umiliò Antioco III. Ma la gloria, si sa, non è imperitura, e già nel II sec. d.C. le celebri tombe furono abbandonate: ma questo ci consente di ammirare nello stesso sito archeologico la straordinaria compresenza di un edifico del III sec, di una catacomba, di un colombario e di una calcara.

Area archeologica di S. Croce in Gerusalemme

Come fa S. Elena a ritrovare la Croce di Gesù? Come si presenta l’imperatore Elagabalo dall’alto della torre del suo circo? Dove ora c’è la basilica dedicata alla Santa Croce, una volta sorgeva il palazzo imperiale della dinastia dei Severi: il Sessorium. La loro residenza era completa di ogni confort: un anfiteatro, un circo, le terme, la basilica civile e una domus affrescata. I loro resti fanno ancora impressione, seppur mutilati dalle ingiurie del tempo: la fantasia popolare assegnò loro nomi di fantasia, come avvenne per il tempio di Venere e Cupidine. Ma giunge il cristianesimo, portato da Costantino e da sua madre Elena che, in quanto imperatrice, converte una parte del palazzo in basilica cristiana e costruisce due domus con mosaici per dignitari della corte…

Sinagoga di Ostia Antica e culti misterici

Perché i sacerdoti di Attis si eviravano? A cosa servivano i due fori sulla scalinata del tempio della Magna Mater? In un mondo politeista come quello romano i culti orientali e quelli misterici erano di casa. Ostia Antica ci dà l’occasione per conoscerli: scenderemo nelle grotte dove si officiava il culto al dio Mitra, visiteremo l’arena dove si sacrificavano i tori alla Magna Mater, ammireremo gli affreschi del caseggiato degli Aurighi, all’interno del quartiere egiziano, entreremo nella Sinagoga di Ostia, la più antica dell’Occidente…Ostia Antica è molto più di quello che conosci…

Sinagoga di Roma

Perche’ il candelabro ha sette bracci? Cosa sono quei segni rossi sopra le porte della sinagoga? Perche’ sul soffitto c’e’ il cielo stellato? Gli ebrei lo chiamano Tempio Maggiore, e si capisce perche’: le sue dimensioni ne fanno la seconda sinagoga piu’ grande d’Europa; ma le ragioni sono anche storiche, in quanto l’edificio attuale racchiude l’essenza delle Cinque Scole dell’antico Ghetto…

Vicus Caprarius

La Fontana di Trevi, universalmente considerata una delle icone della Città Eterna, è in realtà solo l’ultimo atto di un capolavoro ingegneristico costruito duemila anni prima dagli antichi romani: l’Acquedotto Vergine…

Insula di S. Paolo alla Regola

Perchè i magazzini romani hanno ingressi piccoli? Dove abita S. Paolo quando viene a Roma? Sulla sponda sinistra del Tevere nel I sec d.C. sorge un attivissimo quartiere commerciale: Roma è un crogiolo di popoli provenienti da tutto il Mediterraneo e in Campo Marzio, vicino all’attuale Campo de’ Fiori, opera una vivace comunità ebraica…

visita guidata crypta balbi

Crypta Balbi

Come avvenivano a Roma le distribuzioni gratuite di grano? Perchè via delle Botteghe Oscure si chiama così? Scendere nei sotterranei degli edifici medievali di Largo Argentina è un’esperienza straordinaria: un teatro di epoca augustea si trova fianco a fianco ad una enorme cisterna; un’intero quartiere dell’antica Roma riemerge frammisto a fornaci medievali; una stalla occupa gli spazi di un mitreo…

Sotterranei di piazza Navona

Come si svolgevano le competizioni atletiche nell’antichità? Perchè Domiziano vuole costruire a Roma un secondo grande edificio per spettacoli dopo il Colosseo? Lungo oltre 250 metri, contenente più di 30 mila spettatori, lo stadio di Domiziano nell’86 d.C. è l’unico costruito in muratura nella parte occidentale dell’Impero, e stupisce per le innovazioni architettoniche mai sperimentate prima…

Sotterranei S. Giovanni in Laterano - affresco di domus

Sotterranei S. Giovanni in Laterano

Perchè Costantino interra la caserma della guardia imperiale? Cosa ci fanno delle terme romane sotto la basilica di S. Giovanni? La zona del Laterano costituisce uno dei più interessanti siti dal punto di vista archeologico: sotto la basilica di S. Giovanni, risalente al IV sec, si nasconde una storia molto più antica, legata alla presenza di antiche domus aristocratiche e di una enorme caserma costruita da Settimio Severo. Affreschi, mosaici, capitelli e antiche iscrizioni distribuite in oltre una quindicina di ambienti sono pronti a raccontarcela…

Sotterranei S. Giovanni in Laterano - affresco di domus

Sotterranei S. Giovanni in Laterano

Perchè Costantino interra la caserma della guardia imperiale? Cosa ci fanno delle terme romane sotto la basilica di S. Giovanni? La zona del Laterano costituisce uno dei più interessanti siti dal punto di vista archeologico: sotto la basilica di S. Giovanni, risalente al IV sec, si nasconde una storia molto più antica, legata alla presenza di antiche domus aristocratiche e di una enorme caserma costruita da Settimio Severo. Affreschi, mosaici, capitelli e antiche iscrizioni distribuite in oltre una quindicina di ambienti sono pronti a raccontarcela…

Sotterranei S. Maria Maggiore - affresco geometrico

Sotterranei di S. Maria Maggiore

Cos’è il quadrato di Sator? Come si apre una Porta Santa? Com’era fatto un mercato nell’antica Roma? E’ molto avventuroso scavare nel sottosuolo della Città Eterna: lo sanno bene i lavoratori della Sovrintendenza che nel 1966 effettuarono lavori di isolamento idraulico sotto la navata centrale di S. Maria Maggiore. Gli archeologi erano certi di trovarvi l’antica basilica del IV sec., ed invece emerse un vasto porticato di epoca imperiale…

Sotterranei di S. Crisogono - cripta semianulare

Sotterranei di S. Crisogono

Un fonte battesimale installato su una lavanderia? Tombe pagane riesumate per seppellire cristiani? Tutto può succedere se si utilizzano abitazioni romane per costruirci una chiesa! E’ quanto avviene a S. Crisogono, una delle basiliche più antiche di Roma. La chiesa superiore colpisce per la miriade di draghi che i Borghese hanno impresso un po’ dappertutto come loro inconfondibile distintivo. Ma sono i sotterranei che celano la sorpresa più clamorosa: l’antichissima chiesa del IV sec…

visita guidata S. Martino ai Monti

Sotterranei di S. Martino ai Monti: titulus Equitiis

Oggi ci è difficile immaginare quale fosse l’atmosfera che si respirava a Roma nel IV sec: la maggior parte della popolazione era pagana, ma vaste frange dei romani cominciavano a convertirsi al cristianesimo. Del resto Costantino nel 313 aveva promulgato la libertà di culto per i cristiani. Incoraggiata dai favori dell’imperatore, la comunità cristiana comincia a costruire nuovi edifici per il proprio culto. A tale scopo vengono utilizzate le domus di ricchi patrizi, ma non solo…

Storia del Ghetto

L’unico ponte romano rimasto intatto fino ai giorni nostri? Un tempio usato come mercato del pesce? Si trovano tutti nel Ghetto ebraico, un quartiere estremamente suggestivo in cui vetusti edifici romani fanno da contraltare a nobili case rinascimentali. La storia del serraglio è un po’ la storia di Roma, almeno da quando l’imperatore Tito distrugge Gerusalemme e deporta gli ebrei nella capitale come schiavi. Ripercorrendone le antiche mura e la piazza della deportazione in epoca fascista, fra le chiese delle prediche coatte e le antiche sinagoghe, ricostruiremo la storia della comunità ebraica più antica del mondo.

Rampa Domizianea

Rampa di Domiziano al Foro

Pochi monumenti di Roma antica rendono realmente l’emozione di trovarsi davanti a qualcosa di maestoso ed imperituro: la grandiosa Rampa di Domiziano è uno di questi. Costruita nel I sec d.C. come solenne ingresso al palazzo dell’imperatore sul Palatino, la rampa si snodava lungo sette salite e sei tornanti, inerpicandosi per 35 metri di altezza.

Tempio di via delle Botteghe Oscure

Tempio sotterraneo delle Ninfe

Cosa custodiva al suo interno il tempio delle Ninfe? Perché gli sportelli delle distribuzioni gratuite di grano nell’antica Roma erano 44? La città eterna possiede un patrimonio artistico talmente denso che edifici di epoca romana giacciono sepolti praticamente ovunque. E così capita di entrare in un condominio e ritrovarsi nello scantinato il podio di un antico tempio romano. Ci troviamo nel II sec AC, quando Roma sta conquistando l’Oriente, e si può permettere di offrire al popolo prezioso frumento…

Terme di Caracalla

Come fa Caracalla ad alimentare d’acqua le sue famose terme? Cosa fa Arpocrate rappresentato sulle colonne della biblioteca? Al momento della loro costruzione erano le terme più grandi dell’Impero e rimasero insuperate per fastosità delle decorazioni. Le sue rovine impressionano tuttora e ad una più attenta analisi mostrano ancor di più la loro grandiosità e complessità di costruzione: volte a crociera alte più di 20 metri, pavimenti a mosaico ancora conservati, innumerevoli scale che conducevano ai piani superiori. L’intero complesso era concepito non solo come un immenso bagno…ma, per saperne di più, non resta che tuffarcisi dentro!

Terme di Diocleziano

Le più grandi terme mai costruite prima: Diocleziano nel 306 d.C. celebra così la sua abdicazione, consegnando ai successori un impero più saldo, pur in un periodo di forte crisi. I resti del complesso termale sono impressionanti, estendendosi per larga parte della zona della stazione Termini. Non sempre sono visibili agli occhi meno attenti, in quanto molte delle aule dei grandiosi bagni furono convertite nei più disparati edifici: chiese, conventi, olearie, un planetario…perfino un garage! Ma è l’apertura gratuita del Museo Nazionale Romano che ci dà la possibilità di visitare gli ambienti più maestosi del complesso, primo fra tutti la natatio, la piscina più grande dell’impero, con i suoi 3500 mq…

I luoghi di Traiano

Durante il suo principato l’impero raggiunge la sua massima espansione; il senato lo onora con il titolo di optimus, il “migliore”; da grande benefattore sacrifica il suo patrimonio per assicurare il sostentamento a centinaia di bambini. Marco Ulpio Traiano fu uno degli imperatori più valenti ed illuminati della storia: i suoi monumenti ancora giganteggiano al centro di Roma, e sono stati recentemente valorizzati con una nuova splendida illuminazione. E allora non resta che scoprirne assieme le appassionanti vicende: la conquista della Dacia, la lotta contro la corruzione, lo sbancamento della sella del Quirinale, la nomina del successore Adriano. Ma prima ci vediamo per un gustoso aperitivo a base di prodotti tipici della campagna romana proprio davanti la Colonna Traiana!

tram tour roma

Tram tour

Quando fu istituita a Roma la prima isola pedonale? Cos’era l’autobus a gassogeno? Dal primo omnibus di fine ‘800 a trazione animale ai moderni tram articolati ne è stata fatta di strada: la Città Eterna ha conosciuto uno sviluppo urbanistico senza precedenti, ed il problema della circolazione è assurto sempre più all’attenzione cittadina. Non sarà però il traffico a fermarci questa volta: anzi, sarà un piacere ritrovarsi nelle strade capitoline dense di monumenti e di storia. A condurci sarà infatti un caratteristico tram storico degli anni ’20, con tanto di conducente in uniforme, sedili in legno e posto del bigliettaio!

tram tour roma

Tram tour

Quando fu istituita a Roma la prima isola pedonale? Cos’era l’autobus a gassogeno? Dal primo omnibus di fine ‘800 a trazione animale ai moderni tram articolati ne è stata fatta di strada: la Città Eterna ha conosciuto uno sviluppo urbanistico senza precedenti, ed il problema della circolazione è assurto sempre più all’attenzione cittadina. Non sarà però il traffico a fermarci questa volta: anzi, sarà un piacere ritrovarsi nelle strade capitoline dense di monumenti e di storia. A condurci sarà infatti un caratteristico tram storico degli anni ’20, con tanto di conducente in uniforme, sedili in legno e posto del bigliettaio!

Villa Adriana

Un’isola artificiale dove ritirarsi in solitudine; un portico a doppio spiovente di 400 m per la passeggiata salutare dopo pranzo; un lago di 120 m ornato di statue per riprodurre l’ambientazione esotica dell’Egitto: per un imperatore non esistono sogni, ma solo realtà…

Villa d'Este

50 fontane, 250 zampilli d’acqua, 255 cascate, 100 vasche distribuite su oltre 4 ha: basterebbero solo i numeri per far di Villa d’Este il più maestoso giardino all’italiana. Eppure oltre questo c’è molto di più: il drago Ladone lotta contro Diana Efesina, Ercole è al bivio nella scelta tra il bene e il male…

Casa di Livia - affreschi quartiere degli ospiti

Villa di Livia

Da dove provenivano gli allori destinati ai trionfatori? Che se ne faceva l’imperatrice Livia dei molluschi? Siamo nel 39 AC; una gallina bianca cade dal cielo proprio nel grembo di Livia: è il segno che gli dei vogliono qui, sulla via Flaminia, la dimora della prima imperatrice di Roma. Una casa senza lusso ostentato, ma funzionalmente divisa in tre parti: il quartiere privato, il quartiere di rappresentanza, ed il quartiere degli ospiti. Ognuno decorato con affreschi, mosaici e marmi policromi. Non mancavano terme e rigogliosi giardini dove rilassarsi lontani dal caos cittadino. Dopo decenni di incuria, la residenza imperiale finalmente rinasce a nuova vita nella restaurazione effettuata in occasione del Bimillenario Augusteo.

Villa Lante di Bagnaia

Cosa c’era in origine al posto dei mori nella fontana al centro di Villa Lante? Quale conseguenza avrà la visita ai giardini di S. Carlo Borromeo? Votata nel 2011 come più bel parco d’Italia, Villa Lante impressiona per le sue spettacolari fontane inserite in uno splendido giardino all’italiana: navicelle, gamberi, delfini, statue colossali sono una continua delizia per gli occhi, colma di significati simbolici…

Alcune foto utilizzate in questo sito sono state trovate su internet e ritenute di pubblico dominio.
Su tali foto il sito non detiene alcun diritto d’autore e non è intenzione appropriarsi indebitamente di immagini di proprietà altrui.
Pertanto, se detenete il copyright di qualsiasi foto presente, oggi ed in futuro, su questo sito, o per qualsiasi problema riguardante il Diritto d’Autore, inviate subito una e-mail all’indirizzo info@itineroma.it indicando i vs. dati e le immagini in oggetto così che si possa risolvere rapidamente il problema (ad esempio, con l’inserimento, gratuito e permanente, del nome dell’autore), rimuovere definitivamente la foto o altro.