Sotterraneo

Prossime visite

visite guidate horti sallustiani

Brunch nella sontuosa casa di Sallustio (permesso speciale)

Perchè la sala da pranzo di Sallustio ha un doppio soffitto? Come mai certe notti Nerone preferiva dormire negli Horti Sallustiani anzichè nella sua Domus Aurea? La villa di Sallustio era la più sontuosa dimora suburbana di Roma; fu costruita nel I sec a.C. da Giulio Cesare e poi abbellita dallo storico Sallustio e ancora oggi impressiona per il gigantismo delle sue strutture. Tra straordinarie cupole a spicchi, eccezionali doppie volte ed inconsuete pareti circolari gli echi del glorioso passato di Roma si respirano davvero a pieni polmoni…

Dentro la Piramide Cestia

Come mai la Piramide non ha alcun ingresso? Perchè gli eredi di Caio Cestio la costruiscono nel tempo record di 360 giorni? Che differenze ci sono con le Piramidi d’Egitto? Raffinate pitture all’interno, statue di bronzo ai lati, un monumento alto quasi 40 metri, destinato ad ospitare una sola persona: fa impressione tutt’oggi il sepolcro di Caio Cestio, uno degli uomini più potenti della Roma del I sec a.C. Ma ci siete mai entrati dentro? Una sola è la stanza, molteplici sono le suggestioni…

Sessorium: il Palazzo imperiale dei Severi (permesso speciale)

Come fa S. Elena a ritrovare la Croce di Gesù? Come si presenta l’imperatore Elagabalo dall’alto della torre del suo circo? Dove ora c’è la basilica dedicata alla Santa Croce, una volta sorgeva il palazzo imperiale della dinastia dei Severi: il Sessorium. La loro residenza era completa di ogni confort: un anfiteatro, un circo, le terme, la basilica civile e una domus affrescata. I loro resti fanno ancora impressione, seppur mutilati dalle ingiurie del tempo: la fantasia popolare assegnò loro nomi di fantasia, come avvenne per il tempio di Venere e Cupidine. Ma giunge il cristianesimo, portato da Costantino e da sua madre Elena che, in quanto imperatrice, converte una parte del palazzo in basilica cristiana e costruisce due domus con mosaici per dignitari della corte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *