Archeologia

Prossime visite

Appia Antica III miglio

Quanto impiegavano i Romani a raggiungere Brindisi? Perchè la via Appia venne costruita in pietra lavica? Veniva chiamata “regina viarum”, perchè conduceva al ricco e civilizzato Oriente; nel ‘700 le sue rovine nella idilliaca campagna romana infatuarono numerosi pittori. Suggestivi ruderi, tombe solitarie si susseguono senza soluzione di continuità lungo le prime miglia di tracciato, quelle di avvicinamento alla capitale del mondo. Al III miglio l’imperatore Massenzio vi costruì il proprio palazzo imperiale, i Metelli il proprio monumentale sepolcro, Erode Attico le sue lussuose terme…

Mausoleo degli Equinozi (apertura straordinaria!)

Cos’era per i latini un templum? Come dividevano il cielo gli Etruschi? Fra le antiche popolazioni italiche, pervase dal senso del sacro, un sepolcro poteva di fatto esser concepito come uno spazio cultuale orientato verso le divinità celesti. E’ questo il caso del Mausoleo degli Equinozi, una fra le più affascinanti tombe dell’Appia Antica. Seminascosto all’interno di una proprietà privata, sorprende per le sue notevoli dimensioni e per il suo eccezionale stato di conservazione: le pareti, alte 7 metri, sono foderate di travertino, la volta a botte è integra. Ma la sua particolarità è data da 3 finestre a bocca di lupo, nel quale penetra la luce solare…

visite ostia antica

Ostia Antica

Come avveniva il trasporto delle merci da Ostia a Roma? Dove si riuniva la “giunta comunale” della città? Al tempo di Adriano Ostia Antica era fra le città più importanti dell’impero e, come tale, dotata di un centro monumentale di tutto rispetto. Ancora oggi è possibile ammirare grandiosi templi alti quasi 20 metri, sontuose terme complete di spogliatoi e saune, un teatro tuttora utilizzato per gli spettacoli…perfino sedi di corporazioni con tanto di triclini per mangiare!

Sotterranei di S. Giovanni in Laterano (permesso speciale)

Perchè Costantino interra la caserma della guardia imperiale? Cosa ci fanno delle terme romane sotto la basilica di S. Giovanni? La zona del Laterano costituisce uno dei più interessanti siti dal punto di vista archeologico: sotto la basilica di S. Giovanni, risalente al IV sec, si nasconde una storia molto più antica, legata alla presenza di antiche domus aristocratiche e di una enorme caserma costruita da Settimio Severo. Affreschi, mosaici, capitelli e antiche iscrizioni distribuite in oltre una quindicina di ambienti sono pronti a raccontarcela…

Sotterranei di S. Giovanni in Laterano (permesso speciale)

Perchè Costantino interra la caserma della guardia imperiale? Cosa ci fanno delle terme romane sotto la basilica di S. Giovanni? La zona del Laterano costituisce uno dei più interessanti siti dal punto di vista archeologico: sotto la basilica di S. Giovanni, risalente al IV sec, si nasconde una storia molto più antica, legata alla presenza di antiche domus aristocratiche e di una enorme caserma costruita da Settimio Severo. Affreschi, mosaici, capitelli e antiche iscrizioni distribuite in oltre una quindicina di ambienti sono pronti a raccontarcela…

Sotterranei di piazza Navona (ingresso ridotto!)

Come si svolgevano le competizioni atletiche nell’antichità? Perchè Domiziano vuole costruire a Roma un secondo grande edificio per spettacoli dopo il Colosseo? Lungo oltre 250 metri, contenente più di 30 mila spettatori, lo stadio di Domiziano nell’86 d.C. è l’unico costruito in muratura nella parte occidentale dell’Impero, e stupisce per le innovazioni architettoniche mai sperimentate prima…

Terme di Diocleziano (ingresso gratuito!)

Le più grandi terme mai costruite prima: Diocleziano nel 306 d.C. celebra così la sua abdicazione, consegnando ai successori un impero più saldo, pur in un periodo di forte crisi. I resti del complesso termale sono impressionanti, estendendosi per larga parte dell’area oggi occupata dalla stazione Termini. Non sempre sono visibili agli occhi meno attenti, in quanto molte delle aule dei grandiosi bagni furono convertite nei più disparati edifici: chiese, conventi, olearie, un planetario…perfino un garage! Ma è l’apertura gratuita del Museo Nazionale Romano che ci dà la possibilità di visitare gli ambienti più maestosi del complesso, primo fra tutti la natatio, la piscina più grande dell’impero, con i suoi 3500 mq…

Mosaici antichi a Palazzo Massimo (ingresso gratuito!)

Perché gli antichi romani chiamavano il mosaico “opera delle Muse”? Come mai a Roma all’epoca di Augusto vanno di moda i mosaici con i pigmei? In nessun posto al mondo come a Palazzo Massimo è possibile seguire passo dopo passo l’evoluzione dell’arte musiva romana, dai suoi esordi in epoca repubblicana fino agli esempi del tardo impero. All’inizio prevalgono le scene mitologiche greche, come la spedizione degli Argonauti, poi andrà in auge l’esotismo, con rappresentazioni di variopinti paesaggi nilotici composti di pigmei e ippopotami, per giungere infine allo schematismo del III sec.

visita guidata Case romane del Celio

Case romane del Celio

Siete mai entrati in una casa dell’antica Roma? Ora lo potete fare! Sotto la chiesa dei Ss. Giovanni e Paolo secoli di oblìo hanno tenuto perfettamente conservata una domus romana del III secolo d.C., con tanto di affreschi! Un personaggio prega in mezzo a mostri, capre e uccelli, una figura versa del liquido ad una fanciulla nuda distesa fra le acque: immagini non ancora pienamente decifrate lasciano aperte suggestive ipotesi interpretative…

Circo Massimo (nuova apertura!)

Quali erano le regole della corsa delle bighe? Perché al centro dell’arena erano presenti dei delfini? Il Circo Massimo è di certo fra i monumenti romani che più colpiscono l’immaginario collettivo: il più grande edificio per lo spettacolo che sia mai esistito fu costruito inizialmente in legno dai re Tarquini, ristrutturato in muratura da Giulio Cesare e ricostruito interamente da Traiano nel 103 d.C. Le diverse fasi costruttive, fino al riutilizzo in epoca medievale, sono perfettamente visibili dopo i recenti scavi: percorrere la galleria coperta attraversata dai senatori, sostare di fronte ai negozi che si aprivano sull’antica strada romana, salire in cima alla torre medievale è ora finalmente possibile…

Sessorium: il Palazzo imperiale dei Severi (permesso speciale)

Come fa S. Elena a ritrovare la Croce di Gesù? Come si presenta l’imperatore Elagabalo dall’alto della torre del suo circo? Dove ora c’è la basilica dedicata alla Santa Croce, una volta sorgeva il palazzo imperiale della dinastia dei Severi: il Sessorium. La loro residenza era completa di ogni confort: un anfiteatro, un circo, le terme, la basilica civile e una domus affrescata. I loro resti fanno ancora impressione, seppur mutilati dalle ingiurie del tempo: la fantasia popolare assegnò loro nomi di fantasia, come avvenne per il tempio di Venere e Cupidine. Ma giunge il cristianesimo, portato da Costantino e da sua madre Elena che, in quanto imperatrice, converte una parte del palazzo in basilica cristiana e costruisce due domus con mosaici per dignitari della corte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code