S. Sabina: basilica e sotterranei

visita sotterranei S. Sabina
La basilica paleocristiana dalle forme perfette e il tempio egizio sotterraneo!

sabato 14/03/2020 - ore 10:30


Poche chiese a Roma possono vantare tanta storia come quella di S. Sabina: luoghi, leggende e consuetudini come il Giardino degli Aranci, la pietra del diavolo e le prime processioni della chiesa hanno avuto origine dal complesso monastico di S. Sabina sull’Aventino. La chiesa fu costruita durante l’Impero Romano, tanto che le sue proporzioni rispettano rigorosamente i canoni di Vitruvio, celebre architetto dell’antica Roma. In essa è conservata la prima scena della crocifissione di Cristo, incisa in una grandiosa porta lignea. I suoi sotterranei ci parlano dell’estrema periferia della Roma repubblicana, dove passavano le mura di Servio Tullio e la comunità egizia aveva eretto un tempio dedicato ad Iside…

Tipologia visita: monumenti, archeologia
Biglietto d’ingresso
 (da sommare al costo visita): 5€  (no riduzioni)
Costo visita (da sommare al biglietto): 12€ intero; 10€ ridotto prenotazioni ante 7/3; 5€ studenti, under 18; 2€ abbonati, gift card; gratis under 7; comprensivo di auricolari.
Ritrovo: ore 10:30 all’ingresso della basilica in piazza Pietro d’Illiria 1
Inizio visitaore 10:45
Termine visita: ore 12:30
Percorso: sotterranei: iseo, domus romane, cisterne, mura serviane; convento domenicano: terrazza panoramica, cella di S. Domenico, chiostro, museo domenicano; basilica S. Sabina
Modalità di prenotazione: inviare una mail a itineroma@gmail.com lasciando nome, cognome, email e cellulare di ogni partecipante; la prenotazione è da intendersi accettata solo in caso di conferma via mail; ci riserviamo di rispondere entro le 72 ore.
In caso di maltempo: visita confermata (visita esclusivamente all’interno)
Visite affini di futura programmazione: sotterranei S. Crisogono, sotterranei S. Martino ai Monti

La visita guidata con permesso speciale alla basilica di S. Sabina consente di accedere a parti del convento domenicano normalmente chiuse al pubblico: il chiostro medievale, la cella di S. Domenico, il Museo Domenicano e soprattutto gli affascinanti sotterranei.
La visita guidata inizia con il chiostro medievale, aggiunto nel Duecento quando la chiesa passò all’ordine dei Domenicani: è formato da oltre un centinaio di colonne che delimitano un caratteristico cortile con al centro una vera da pozzo.
La visita guidata con permesso speciale alla basilica di S. Sabina e sotterranei prosegue con la cella di S. Domenico, dormitorio del santo trasformato in cappella dal Bernini, e decorato con marmi e affreschi.
Si prosegue sullo stesso piano visitando il dormitorio dei frati, oggi trasformato in Museo Domenicano, che conserva interessanti dipinti provenienti dalle due più importanti chiese domenicane a Roma: S. Maria Sopra Minerva e S. Sabina. Da una finestra nei pressi dell’ingresso si può avere una stupenda visione dall’alto della navata centrale della basilica.
La visita guidata prosegue poi con i sotterranei della basilica di S. Sabina, vera e propria chicca dell’ingresso a permesso speciale: in una serie di sale si conservano diverse stanze, alcune delle quali con mosaici ed affreschi di varie epoche, dal II sec a.C. al II sec d.C. La suggestione degli ambienti deriva dal fatto di trovarci a ridosso delle Mura Serviane, di cui si osservano le due fasi costruttive, la prima delle quali risalente al VI sec a.C.
La visita guidata dei sotterranei di S. Sabina evidenzia in particolar modo le trasformazioni che subiscono le antiche abitazioni romane nel tempo: in uno degli ambienti vi si insedia un tempio domestico di Iside, in altri alcune cisterne.
Nel ritornare alla chiesa di S. Sabina, la visita guidata si sofferma sullo splendido panorama del giardino dei Domenicani: la vista a Ovest spazia da Porta Portese al Gianicolo, consentendo di osservare bene i rioni Trastevere e Testaccio, il Tevere e l’Isola Tiberina.
La visita guidata non può non terminare con l’ingresso alla basilica di S. Sabina, vero gioiello dell’arte paleocristiana, esempio sublime nelle forme. I mosaici, l’opus sectile, la schola cantorum, il cleristorio sono quanto di più eccelso ci abbia lasciato l’architettura romana del V sec. La visita guidata alla chiesa si sofferma inoltre sugli edifici preesistenti alla basilica: in particolare il titulus del V sec, la domus del IV, i templi arcaici.

Per partecipare alla visita guidata con permesso speciale alla basilica di S. Sabina controlla che sia attualmente presente sul Calendario Itineroma.

Se non presente, e siete un gruppo di almeno 7 persone che può attendere almeno un mese, puoi richiederne l’inserimento nel calendario di Itineroma.

Altrimenti, puoi prenotarla entro tempi più brevi come visita privata.

Questa visita ti ha stuzzicato l’appetito? Ci sono oltre un centinaio di visite guidate al di fuori dei consueti itinerari turistici che ti aspettano con Itineroma!

Vedi le altre visite guidate organizzate da Itineroma oltre la visita ai sotterranei della basilica di S. Sabina



Prenotazioni

Prenota questa visita compilando il form.

Gli asterischi (*) indicano i campi obbligatori:

Specifica il numero di partecipanti:
* Avete abbonamento o giftcard? SiNo Se sì, quale?

Ritrovo: Basilica S. Sabina


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.